Castello di Querceto

Il Castello di Querceto è uno dei punti di riferimento del territorio del Chianti Classico fiorentino, zona particolarmente amata dagli appassionati di enogastronomia per la numerosa presenza di aziende vinicole e di prodotti tipici della cucina regionale. E’ la base ideale per escursioni giornaliere nelle splendide città d’arte della Toscana: Firenze dista solo 25 km, Siena e San Gimignano circa 45, Arezzo circa 55 e Pisa circa 105.
Il Castello è completamente immerso nel verde delle colline del Chianti, circondato da vigneti e boschi dove è possibile addentrarsi per rilassanti passeggiate all’ombra di querce e castagni.
L’azienda dispone di dieci appartamenti adibiti ad agriturismo. Alcuni si trovano direttamente nel centro aziendale, a pochi passi dal castello medievale, con accesso dal vecchio cortile in pietra sul quale si affacciano anche l’enoteca, gli uffici e l’antica cantina d’invecchiamento.

 

 
I Vigneti e gli Oliveti
La maggior parte dei vigneti sono stati impiantati tra il 1975 ed il 1985 con piccole eccezioni risalenti ad oltre 35 anni fa mentre, in epoca recentissima, sono stati realizzati o sono in fase di realizzazione venti nuovi ettari. Per quanto riguarda le densità di piantagione si passa dalle 3.330 piante/ha dei vecchi impianti alle 7.575 degli impianti piu’ recenti.
Le forme di allevamento utilizzate sono quelle tradizionali per il territorio del Chianti Classico, ovvero il cordone orizzontale speronato impalcato a 60 cm dal livello del suolo ed il guyot.
Gli attuali 60 ettari di vigna sono suddivisi in ventidue differenti vigneti ubicati sul terreno più vocato e con le migliori caratteristiche microclimatiche.
I vitigni utilizzati sono in maggioranza a bacca rossa e solo in piccola percentuale a bacca bianca.
Tra le uve rosse primeggia, ovviamente, il Sangiovese grosso, a cui si affiancano numerose altre varietà tra cui il Canaiolo nero, il Cabernet Sauvignon, il Cabernet Franc, il Syrah, il Colorino, il Merlot, il Mammolo, il Ciliegiolo e la Malvasia nera.
Tra i vitigni a bacca bianca troviamo quelli tradizionali, ovvero la Malvasia del Chianti ed il Trebbiano toscano, affiancati dallo Chardonnay.

 
2
 

L’attività colturale viene condotta avendo come fine il conseguimento della massima qualità e della compatibilità ecologica della produzione. Si è scelto perciò di fare potature molto corte e diradamento dei grappoli quando necessario, di non utilizzare fertilizzanti chimici a favore degli organici e di utilizzare contro le fitopatologie, la lotta naturale ed integrata e quando non sufficiente, dei fitofarmaci particolarmente blandi.
La vendemmia, che si svolge normalmente fra il 25 settembre ed il 25 ottobre, viene eseguita esclusivamente a mano selezionando accuratamente le uve.
Gli oliveti sono suddivisi in diversi appezzamenti, impostati con una densità di piantagione di 400 piante/ha.
Le varietà di olivo presenti negli oliveti del Castello di Querceto sono le tradizionali del territorio del Chianti Classico, ovvero Frantoio, Moraiolo, Leccino, Pendolino e Maurino. Le olive, raccolte a mano durante il mese di novembre, vengono frante, nell’arco di due/tre giorni al massimo, in un moderno frantoio e danno origine all’olio extravergine di oliva che è un altro prodotto tipico molto prestigioso.

 

Le Cantine e gli Impianti
 
Nel centro aziendale contiguo al Castello è concentrata l’intera struttura produttiva che comprende numerosi locali: magazzini, una moderna sala di imbottigliamento e quattro cantine nelle quali si svolgono le varie fasi del processo produttivo: fermentazione e prime lavorazioni, stoccaggio ed invecchiamento.
Ulteriori locali sono destinati alla produzione ed all’invecchiamento del Vin Santo ed allo stoccaggio ed imbottigliamento dell’olio extra vergine di oliva.
Annessi agli uffici sono in costruzione un moderno laboratorio di analisi ed un salone per degustazioni e convegni, una parte del quale è già oggi utilizzato per esposizione e vendita diretta dei prodotti aziendali.
Il reparto di fermentazione alcolica comprende dodici fermentatori di moderna concezione dotati di un sistema di controllo automatico e computerizzato con tutti i parametri coinvolti nel processo e contraddistinto da una grande flessibilità che consente l’utilizzazione di numerosi diversi programmi operativi. La capacità dei fermentatori è compresa fra 130 e 300 hl. per una capacità complessiva di circa 3.000 hl.
Il reparto è dotato di una pressa pneumatica per le vinacce, che subiscono una soffice pressatura prima di essere inviate alla distillazione.
Per la fermentazione malolattica e per la chiarifica naturale vengono usate apparecchiature di acciaio inox di capacità comprese fra 50 e 300 hl. dotate di termo-condizionamento automatico. La capacità complessiva è di circa 4.500 hl.
 
2
 
La cantina di stoccaggio, dotata di impianto di climatizzazione, è costituita da serbatoi di acciaio inox e di cemento vetrificato di capacità comprese fra i 10 e 200 hl. La capacità complessiva e di circa 3.500 hl.
Le cantine di invecchiamento, ubicate nel sottosuolo del Castello e nel sotterraneo di uno degli edifici di recente costruzione, hanno una capacità complessiva di circa 1.500 hl. e comprendono barriques di Allier, Tronçais, Limousin e Tonneaux, utilizzate per la maturazione delle selezioni del Castello e del Chianti Classico Riserva, ed una serie di piccole botti di rovere di capacità variabili fra 10 e 40 hl. nelle quali si fanno maturare gli altri vini.
Visitando oggi la vecchia cantina, inebriati dai profumi dei vini che maturano in pregiati fusti di rovere, ci si addentra fino al cuore del Castello, dove sono custodite le selezioni delle migliori annate a partire dal 1904.
In un altro locale, opportunamente climatizzato, vengono conservate le bottiglie, prima di essere immesse in commercio, per un periodo di affinamento, variabile fra i 6 ed i 12 mesi, a seconda della diversa tipologia del prodotto.
Il reparto imbottigliamento e confezionamento è costituito da un impianto automatico, dotato dei più aggiornati accorgimenti tecnici, avente una capacità di circa 3.000 bottiglie/ora.

 

Visite e Degustazioni
Al Castello di Querceto è possibile effettuare, su prenotazione, visite guidate (in italiano/inglese) alle cantine storiche di origine medievale.
Durante la visita si passeggerà all’interno del parco del Castello in mezzo a piante secolari e si avrà, dalle mura orlate, una visione completa delle vigne con una descrizione delle loro caratteristiche.
Al termine della visita si svolgerà una degustazione guidata di tre vini classici: il Chianti Classico, il Chianti Classico Riserva (che nelle annate 1999 e 2000 è stato inserito tra i 100 migliori vini del mondo*) e un Cru.

 

Le visite con degustazione (durata 1h circa) si svolgono dal lunedì al venerdì nei seguenti orari:

ore 11,30
ore 14,30
ore 16,30

Sabato su prenotazione

 

Tour guidato CLASSICO – euro 10,00

Tour guidato STORICO – euro 15,00

 

A richiesta è possibile accompagnare la degustazione con un assaggio di prodotti locali tra cui:
pane toscano, pecorino toscano, prosciutto, salame, bruschetta all’olio extra vergine d’oliva del Castello di Querceto.

Inoltre l’enoteca è aperta tutti i giorni feriali  dalle ore 10,00 alle ore 18,00, per la degustazione e l’acquisto dei prodotti del Castello.

 

Via A. François, 2
GREVE IN CHIANTI (FI)

coordinateGPS

Tel. 055 85921

e-mail

Sito Web

Facebook Logo